Rue de la Paix, il decimo album di Gerardo Balestrieri, da oggi in digital download. In autunno nei negozi.

Gerardo Balestrieri cantautore apolide, polistrumentista e interprete, si districa con innata abilità con le parole, giocando con le assonanze, le rime, la metrica e il fraseggio, senza perdere mai di vista il ritmo e la danza.

Classe ’71, nasce a Remscheid in Germania l’11 giugno. Attualmente vive a Venezia dove ha trovato la maturità artistica, la pace interiore e dove è nato, appunto, l’album “Rue de la Paix”.

Il decimo album, prodotto da Interbeat, esce il 23 luglio sui digital store e in autunno nel formato tradizionale nei migliori negozi di musica. Ad accompagnare la pubblicazione anche il video del brano “Vento e blu in piazza San Marco” girato durante la pandemia in una Venezia irriconoscibile, vuota ed immobile.

L’album “Rue de la Paix” si può considerare essenziale se confrontato ai precedenti, per numero di strumenti impiegati e musicisti coinvolti. Il suono è omogeneo e lo stile inconfondibile che lo rende unico. Le canzoni sono state scritte quasi tutte durante la pandemia e nel periodo senza concerti e lontano dalla ribalta, con un’attenzione particolare alla sostanza oltre alla forma.

Dodici canzoni più un brano strumentale: “Il valzer delle lampadine”. Si parte con “Giuannin” storia di un “ramoneur”, di uno spazzacamino della Val Vigezzo emigrato in Francia nel XVIII secolo. Si prosegue con “L’arazzo di Arezzo” canzone che rende omaggio alla macchietta napoletana, alla scrittura di Pisano e Cioffi e alle interpretazioni di Nino Taranto. La terza traccia è un omaggio al poeta surrealista Louis Aragon e a Léo Férré: “L’étrangère” «brano – afferma Balestrieri – che mi ha scaldato il cuore al primo ascolto». Si prosegue con “La canzone delle ossa” una storia di contrabbando quando, verso la metà del ‘900, quando in Unione Sovietica certa musica era vietata e i dischi venivano incisi di notte e di nascosto sulle pellicole dei raggi X usati, sui quali si vedevano i crani, le costole del petto, le ossa di altre parti dello scheletro.

La quinta traccia è il secondo omaggio contenuto nel disco: “Cu ti lu dissi” di Rosa Balistreri in una inedita versione elettrica: da Balistreri a Balestrieri.

Si continua con la scrittura originale: “Vento e blu in piazza San Marco” una canzone pittorica che cerca di mettere in musica e parole la sospensione, l’assenza, il vuoto in questi mesi veneziani deserti.

Poi “Il valzer delle lampadine” una sorta di intermezzo strumentale.

Il disco prosegue con “I gemelli”, il segno zodiacale di Balestrieri; un brano scritto per la sua compagna “Guia” e uno per il loro figlio “Mariùs”. Si resta in ambito intimo familiare con “Il tango del carciofo” e la ghost track “Turi Turi” canzone dall’animo siculo sempre dedicata.

Tra l’una e l’altra una “Canzone crittografica” gioco enigmistico di bisensi a volte tripli.

Plurifinalista al Premio Tenco (2007, 2009, 2013, 2016 e 2017), è stato premiato al Mantova Music Festival, al Festival Risonanze e al Festival Dallo Sciamano allo Showman.

Gerardo Balestrieri ha tenuto concerti in tutta Europa e un tour in California. Ha collaborato con Daniele Sepe, Bebo Storti, Moshem Namjoo (il più importante cantautore iraniano) e con il famoso trasformista Arturo Brachetti per cui ha scritto ed eseguito dal vivo le musiche di uno dei suoi spettacoli.

Nel 2015 con la canzone Sidun ha partecipato a “Crêuza de mä, in napoletano”, progetto discografico ideato dal Club Tenco, con la consulenza artistica di Dori Ghezzi, per celebrare i trent’anni dalla pubblicazione dell’album.

RUE DE LA PAIX – Track List

  • Giuannin
  • L’ Arazzo di Arezzo
  • L’ étrangère 
  • La canzone delle ossa
  • Cu ti lu dissi
  • Vento e blu in piazza San Marco
  • Valzer delle lampadine
  • I gemelli
  • Guia
  • Mariùs 
  • Il tango del carciofo
  • Canzone crittografica
  • Ghost track:   Turi Turi

Line Up

  • Gerardo Balestrieri: voce, corpo, pianoforte, fisarmonica, sintetizzatori, darbouka, ghiro
  • Claudio Marino Clark Kent: batteria
  • Giorgio Boffa: contrabbasso
  • Peppe Giaquinto: chitarre
  • ­­Fabrice You: violino
  • Maria Paola Scirpo: cori

Credits:

  • Gerardo Balestrieri: testi, musiche, arrangiamenti, produzione artistica, editing
  • Peppe Giaquinto: mixaggio, produzione artistica
  • Matteo Torcinovich: artwork
  • Mariùs Balestrieri: disegno copertina

Discografia:

  • I nasi buffi e la scrittura musicale (Interbeat, 2007 – BMG, 2012)
  • Un turco napoletano a Venezia (Interbeat, 2009)
  • Canzoni al crocicchio (Interbeat/L’Alternativa, 2010 – BMG, 2012)
  • Quizas (Egea, 2013)
  • Canzoni nascoste (Interbeat, 2016)
  • Covers (Interbeat, 2017)
  • Syncretica (Smart & Nett Entertainment, 2018)
  • Canzoni del mare salato (Egea, 2019)
  • Elettro Gipsy Pandemika (Interbeat, 2021)
  • Rue de la Paix (Interbeat 2021)

 Contatti:

Sito ufficiale: www.gerardobalestrieri.org

Info per radio, stampa e TV: segreteria@top1communication.eu

Info concerti: marketing@top1communication.eu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close