Alpinismo. Broad Peak è vetta per Picco e Camandona che firma il suo personale 12° ottomila

Martedì 19 luglio 2022 la cordata valdostana formata da Pietro Picco e Marco Camandona ha raggiunto la vetta del Broad Peak a 8.047 m s.l.m., situato sul confine tra Cina e Pakistan, nella catena del Karakorum, a circa 8 km dal K2. Camandona spunta così un’altra cima tra le montagne più alte del mondo, segnando il suo personale dodicesimo “ottomila”.

Il trekking

Dopo un trekking impegnativo, venerdì 15 luglio la cordata valdostana è arrivata al campo base del K2. Anche se avvolto completamente dalle nuvole suscita sempre forti emozioni nel cuore e nella testa degli alpinisti. Ancora di più per Marco Camandona, che quel campo base lo ha già vissuto 22 anni fa, in cordata con Abele Blanc e il brasiliano Waldermar Niclevich con i quali ha raggiunto la vetta del K2, scalando lo sperone Abruzzi, al termine di una spedizione dall’altri tempi con condizioni meteo e della montagna difficilissime. Era il 29 luglio del 2000.

Lo studio e la meteo

Sabato 16 luglio meritato riposo per gli alpinisti con la gradita sorpresa di una meteo favorevole che preannunciava una finestra di bel tempo sino al 20. Senza alcuna esitazione Camandona, Picco e Cazzanelli hanno quindi deciso di attaccare la vetta del Broad Peak.

Marco Camandona in vetta al Broad Peak il suo personale 12° ottomila senza ossigeno

La vetta

Camandona e Picco sono partiti il 18 luglio insieme dal CB del Broad Peak, che dista circa un’ora dal CB del K2, sono arrivati al C2 a quota 6400m e vista la loro ottima condizione fisica, hanno deciso di proseguire per il C3 a quota 7000m dove sono arrivati alle 13,30 ora italiana. Dopo aver mangiato e riposato per qualche ora, alle 23 ora locale, sono partiti per la vetta con il rispetto dovuto ad un ottomila che presentava molte incognite. Martedì 19 luglio 2022 Pietro Picco prima, ea distanza di circa un’ora e mezza Marco Camandona (ore 10.50 ora locale), hanno raggiunto la vetta del Broad Peak a 8.047 m. Camandona è rientrato in serata al campo base del Broad Peak. Picco si è fermato al C3.

L’intenzione di Francois Cazzanelli era di affrontare il Broad Peak con la sua tecnica di “summit push” ma a mezz’ora dalla cima, a circa 8000 metri, a causa di un incidente che ha visto coinvolto un alpinista britannico, si è fermato e ha deciso di non proseguire in quanto a quel punto, chiaramente, le priorità erano altre. Rientrato al C3 dove lo aspettava Pietro Picco, hanno deciso di passare la notte e rientrare questa mattina al campo base del K2.

Il resto della cordata

Nel frattempo, Emrik Favre e Jerome Perruquet sono saliti al C2 del K2 a 6400 m per fare una ricognizione e dove hanno fatto un deposito materiale e passato la notte per poi rientrare al CB.

Jerome Perruquet è salito sino a quota 7000 oltre la “piramide nera” e ridisceso.

Mentre Roger Bovard ha raggiunto nel primo pomeriggio del 20 luglio, la cordata al Campo Base del K2 dopo aver accolto un gruppo di Trekker valdostani e il patron di AROL, Sergio Cirio.

Ora gli alpinisti si riposeranno e si concentreranno per il prossimo obiettivo che sarà il K2.

La spedizione “The way for the K2… la montagna impossibile” è resa possibile grazie a Regione Autonoma Valle d’Aosta, UVGAM, AVMS e ad AROL e agli sponsor dei singoli alpinisti.

Contatti per la stampa
Stefania Schintu | Cell. +39 347 0082416
E-mail: segreteria@top1communication.eu
Web: http://www.top1communication.eu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close